Salario minimo, il colpo di spugna